La miniera di Perticara √® la pi√Ļ grande d’Europa¬†e tra le pi√Ļ grandi al¬†mondo¬†per la sua estensione sotterranea e per la sua enorme quantit√† di¬†materiale¬†presente. Era un labirinto esteso per pi√Ļ di 7,5 chilometri quadrati nella direzione sud-nord pi√Ļ di 4000 metri nella direzione ovest-est. Questa citt√† sotterranea era composta da oltre 100 chilometri di¬†gallerie, da discenderie e rimonte, fornelli (pozzi interni), il tutto distribuito su nove livelli comunicanti con l’esterno tramite quattro discenderie (entrate che conducevano direttamente alla miniera) e sette¬†pozzi¬†(una sorta di ascensori che calavano e facevano risalire operai, animali e materiale all’interno dei vari livelli). Il giacimento minerario di Perticara conobbe il suo massimo splendore a partire dal¬†1917¬†quando ne acquis√¨ la concessione di sfruttamento la societ√†¬†Montecatini¬†che la port√≤ ai massimi livelli con l’impiego di circa 1600 dipendenti tra cantieri sotterranei, esterni e uffici. La miniera chiuse definitivamente i battenti nel 1964, a causa della concorrenza dei grandi giacimenti americani, dove lo zolfo veniva estratto a minor costo con una nuova tecnica; gli ex minatori furono costretti a trasferirsi per mancanza di lavoro nelle grandi¬†citt√†¬†quali¬†Torino,¬†Ferrara¬†e¬†Milano¬†in cerca di maggior fortuna.

Oggi della miniera è rimasto un cantiere di lavorazione, il Certino, trasformato in museo, il Sulphur con il cavalletto del pozzo Vittoria restaurato e rimesso a nuovo.

Fonte: Wikipedia 

Guarda le immagini di Miniera su Instagram